fbpx
IL BENESSERE PSICOLOGICO DI OGNI PERSONA È PARTE DEL DIRITTO ALLA SALUTE AIUTACI A DIFFONDERLO

Mindfulness e Self-Compassion: due ali per il proprio benessere

Sempre più spesso accanto alla parola Mindfulness è presente il termine Self-Compassion. Vediamo più da vicino di cosa si tratta!

Compassion è la traduzione inglese della parola latina Cum Patior (soffro con) e significa partecipare alla sofferenza dell’altro. 

Spesso la parola compassione viene erroneamente scambiata con il provare pietà. In realtà ha un significato molto diverso e implica una partecipazione attiva alla sofferenza, con il senso del prendersene cura. L’espressione Self-Compassion è rivolgere compassione verso se stessi, prendendosi cura di sé, desiderando e coltivando il proprio benessere

Spesso non ci rivolgiamo a noi stessi attraverso questa modalità e soprattutto questo non accade quando stiamo attraversando un momento difficile. Siamo molto più abituati ad entrare in relazione con noi stessi attraverso la critica e il giudizio, definendoci spesso inutili, fallimentari, non desiderabili, inadeguati, colpevoli, sbagliati. L’attitudine della Self- Compassion ci permette di rivolgerci a noi con benevolenza, compassione, gentilezza, comprensione e sostegno, riconoscendo apertamente la difficoltà del momento che stiamo vivendo e chiedendoci altrettanto apertamente: “come posso prendermi cura di me adesso, in questo momento e come posso prendermi cura del dolore e della sofferenza che sento?”.

Nel 2003, Kristin Neff, una psicologa e ricercatrice americana dell’università del Texas, ha descritto la Self-Compassion come la risultante di tre abilità di base

1) la capacità di entrare in relazione con se stessi con gentilezza e comprensione;

2) la capacità di vedere le proprie esperienze negative e i propri difetti come aspetti condivisi dell’esperienza umana;

3) la capacità di affrontare, contenere, sostenere le proprie emozioni e pensieri dolorosi con consapevolezza, calore e presenza.

 

MINDFULNESS E SELF- COMPASSION

La pratica della Mindfulness Self-Compassion ha come base la pratica della Mindfulness di cui un aspetto fondamentale è proprio la Self-Compassion, ovvero questa attitudine di rivolgersi verso noi stessi e gli altri con presenza, stabilità, gentilezza, apertura.

Attraverso una costante pratica di Mindfulness è possibile incontrare quello che c’è così com’è, accoglierlo e prenderci cura del dolore e degli stati emotivi che ci attraversano, così come dei pensieri, con uno spirito di apertura e curiosità. Sentirsi toccati dalla propria sofferenza con un atteggiamento di accettazione e di apertura consente di non negarla né di esagerarla, offrendoci la possibilità di prendercene cura.

 

I BENEFICI DELLA SELF-COMPASSION

La Self- Compassion aiuta il processo di autoregolazione emotiva, aiuta a mantenere uno stile di vita salutare, essere mindful e compassionevoli verso se stessi portando benessere nella vita quotidiana.

La Mindfulness Self-Compassion può rappresentare un aiuto:

  • per attivare la resilienza ovvero quella capacità di riprendersi a seguito di traumi ed eventi difficili e complessi;
  • per intraprendere, coltivare e mantenere abitudini salutari;
  • all’interno del percorso di psicoterapia per la riduzione dell’ansia e dei pensieri di tipo depressivo nella misura in cui è possibile entrare in relazione con i nostri stati emotivi difficili ed esserci di aiuto e di sostegno;
  • per attingere alle proprie risorse emotive e le proprie abilità personali, contribuendo al benessere emotivo e alla capacità di adattarsi agli eventi della vita;
  • per entrare in contatto con noi stessi attraverso la gentilezza e non attraverso la critica.

 

Marika Nuti

 

*Psy+ Onlus è un’organizzazione che si occupa di rendere la psicologia accessibile a tutti. Per informazioni su trattamenti e accesso a percorsi di sostegno, contattare il numero verde 800.91.04.89 o visitare la sezione del Centro di Consulenza Clinica Psicologica del nostro sito. 

**Note sull'autrice: Marika Nuti è Psicologa Clinica, Psicoterapeuta, Insegnante di Mindfulness. Si laurea in psicologia clinica e di Comunità presso l'Università degli Studi di Firenze, si specializza in psicoterapia della Gestalt ad indirizzo fenomenologico esistenziale presso l'Istituto Gestalt Firenze e termina il percorso per insegnante Mindfulness presso il CFM, Center for Mindfulness in medicine, health care, and society, Medical school University of Massachusetts. Lavora proponendo servizi di psicoterapia individuale ad adulti e minori, organizza laboratori e gruppi di mindfulness per la riduzione dello stress attraverso il Mindfulness Based Stress Reduction Program. All'interno di Psy+ Onlus fa parte dell'area dei servizi di psicologia scolastica e dell'equipe di psicoterapeuti del Centro di Consulenza Psicologico Clinica.

Psicologia, benessere, Mindfulness, Self-Compassion





Con il tuo aiuto, ogni giorno

traduciamo le conoscenze della psicologia in progetti efficaci

per il benessere psicologico di ogni persona

Segui i Social PsyPlus


&

resta in contatto